RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Apple, quello di cui bisognerebbe discutere.


  1. Forum
  2. »
  3. Computer, Schermi, Tecnologia
  4. » Apple, quello di cui bisognerebbe discutere.





avatarsupporter
inviato il 06 Giugno 2019 ore 12:29

Migliaia di interazioni sui thread che parlano dei dispositivi Apple.

Tutti inesorabilmente finiti a pizza e fichi con Android e Windows...

Ma c'è qualcosa che sta facendo Apple di molto importante a mio avviso, quasi del tutto ignorata.

Parlo della privacy.

Già famosa per non raccogliere alcun dato degli utenti, dalla traccia GPS ai dati sensibili per gli ads, nell'ultimo WWDC ha mostrato qualcosa che mi ha fatto davvero esultare:

Con OS13 introdurranno l'apple Sign-in per tutte le app Ed i siti che oggi permettono il login automatico tramite Facebook o Google.

Ricordo che accedere tramite FB o Google implica mettere a disposizione i propri dati a cominciare dalla e-mail dell'account fino a chissà quale livello dettato dalla licenza di utilizzo che nessuno legge.

Cosa prevede l'apple sign-in?
Iscrivendosi ad una app, servizio o sito e scegliendo l'apple sign-in il sistema genera una e-mail fittizia (univoca per quel servizio!) e sceglie conseguentemente una password fittizia complessa, memorizzando il tutto sul proprio cloud crittografato.

All'utente non resta che decidere di volta in volta se permettere a tale servizio di usare o meno connessioni by e WiFi, e traking GPS, e qualsiasi altro tipo di monitoraggio richieda
Fra cui dati biometrici!
Presumibilmente io negherei tutto!Cool

Così da lasciarli con un pugno di mosche ed una mail fittizia.

Oltre all'apple Sign-in hanno sviluppato un upgrade di l'komekit per security cam e accessori smart come Netatmo.
Il secure kome-kit prevede la crittografia di tutto ciò che si trova sotto il router da noi indicato, ed uno spazio crittografato nel cloud Apple per le registrazioni delle security cam di aziende associate come d-link.

Potete vedere il video dal minuto 38.40 qui.

youtu.be/psL_5RIBqnY

Buona giornata!

avatarjunior
inviato il 06 Giugno 2019 ore 12:41

bravi.
ma la privacy nel mondo di internet l'è bela che morta.

avatarsenior
inviato il 06 Giugno 2019 ore 12:49

In pratica creano un'utenza fittizia per l'accesso ai social ?
Ma così non abbiamo semplicemente lasciato ad Apple il monopolio sulle nostre informazioni personali ?
Non è per critica è proprio perché non ho ben capito la parte tecnica di questo sistema.

avatarsupporter
inviato il 06 Giugno 2019 ore 12:54

ma la privacy nel mondo di internet l'è bela che morta.

non è morta... semplicemente perché non c'è mai stata!

avatarsenior
inviato il 06 Giugno 2019 ore 12:57

Bravo Mastro, la loro è una scelta politica molto forte che a lungo andare protegge non solo la privacy dell'utente ma anche l'esistenza stessa di internet... furti di dati sensibili, copyright, invadenza pubblicitaria sono i nemici della libertà di internet. Prima o poi ci sarà un legislatore o un politico che inizierà a mettere in dubbio tutto questo dando vita ad una crociata o caccia alle streghe che introdurrà limitazioni allo strumento, avendo anche in parte ragione.

avatarjunior
inviato il 06 Giugno 2019 ore 13:03

non è vero che è morta o che non c'è mai stata, le possibilità ci sono ma sta ad ognuno avere maglie più o meno larghe.
sicuramente i sistemi Ios o *nix in generale offrono un livello di protezione superiore, basta implementare i giusti accorgimenti

avatarsupporter
inviato il 06 Giugno 2019 ore 13:19

Prima o poi ci sarà un legislatore o un politico che inizierà a mettere in dubbio tutto questo dando vita ad una crociata o caccia alle streghe che introdurrà limitazioni allo strumento, avendo anche in parte ragione.


Filo. sai perfettamente che nel tempo in cui qualsiasi legislatore possa presentare un disegno di legge in tal proposito le azienda hanno già trovato 10 escamotage per ogni tipo di legge che possa venire poi approvata.

come la recente multa a Facebook, chissà che risata s'è fatto Mark.....

avatarsenior
inviato il 06 Giugno 2019 ore 13:22

La profilazione dei dati viene fatta da ogni azienda.
Quando ascolti un brano da Itunes, ad esempio, questo viene memorizzato in un database a disposizione di Apple, database che coincide con i tuoi gusti musicali. L'advertising 2.0 si basa quasi esclusivamente sui dati raccolti in questo modo e i dati vengono quotidianamente scambiati (ceduti, venduti) tra aziende.
Si può rinunciare a lasciare i nostri dati (email temporanee, carte di credito fittizie ecc), ma più si andrà avanti più questo implicherà il rinunciare ai servizi offerti tramite internet.
Io la penso così.

Carlo

avatarsupporter
inviato il 06 Giugno 2019 ore 13:34

La profilazione dei dati viene fatta da ogni azienda.
Quando ascolti un brano da Itunes, ad esempio, questo viene memorizzato in un database a disposizione di Apple, database che coincide con i tuoi gusti musicali. L'advertising 2.0 si basa quasi esclusivamente sui dati raccolti in questo modo e i dati vengono quotidianamente scambiati (ceduti, venduti) tra aziende.
Si può rinunciare a lasciare i nostri dati (email temporanee, carte di credito fittizie ecc), ma più si andrà avanti più questo implicherà il rinunciare ai servizi offerti tramite internet.
Io la penso così.


dati di sveglia, tipologia di musica per giorni ed orari, analisi delle foto e dei video (dove quando, chi è ripreso, contesto, probabilmente anche espressività come tristezza, allegria e chissà quant'altro), tracciamento GPS dei nostri spostamenti, dei nostri dati biometrici come impronte, fisionomia del volto, battiti cardiaci misurato con gli orologi, stile di guida, rispetto dei limiti di velocità e molto molto altro ancora....

tutte informazioni che possono perfettamente e legalmente essere vendute ad esempio ad assicurazioni che ci faranno pagare l'assicurazione vita o dell'auto in proporzione. a banche che ci concederanno o no un prestito. ecc ecc.

Da anni Apple sostiene e digniara pubblicamente che tutti questi tipi di dati non solo non vengono raccolti e venduti. ma sono crittografati ed elaborati in loco, sul dispositivo. non centralmente, al fine di offrirci il servizio di monitoraggio del fitness per esempio.

Questa è una grandissima differenza rispetto a windows, google, e una pletora di aziende e sviluppatori terzi, che in America hanno iniziato a capire.

Apple è cara! indiscutibile!
ma quanto ci "costano" i servizi gratuiti di molti altri? Sembrano gratuiti. la moneta con cui li paghiamo sono le nostre informazioni!

avatarsenior
inviato il 06 Giugno 2019 ore 13:40

www.apple.com/it/legal/privacy/it/

da qui mi sembra di capire che Apple ha si un occhio di riguardo rispetto altre aziende (Google, Facebook & famiglia), ma che in ogni caso raccoglie dati che per il momento restano nei suoi database.

"Possiamo raccogliere e memorizzare i dettagli relativi all'uso che gli utenti fanno dei nostri servizi, comprese le ricerche. Queste informazioni possono essere utilizzate per migliorare la pertinenza dei risultati forniti dai nostri servizi. Tali informazioni non vengono associate al tuo indirizzo IP, ad eccezione di alcuni casi in cui è necessario garantire la qualità dei nostri servizi su Internet.

Dopo aver ottenuto una tua autorizzazione esplicita, possiamo raccogliere i dati sull'uso da te fatto del dispositivo e delle applicazioni, per aiutare gli sviluppatori a migliorare le proprie app.

Se uniamo dati non personali e dati personali, i dati così aggregati saranno trattati come dati personali fintanto che rimarranno aggregati."

Quindi massima attenzione a privacy ecc ma i dati vengono comunque raccolti e conservati. E' inevitabile, per qualsiasi azienda i nostri dati sono un valore economico rilevante.

avatarsenior
inviato il 06 Giugno 2019 ore 13:44

Aggiungo (l'ho letto solo ora) questo passaggio:

"Apple condivide i dati personali degli utenti con società che forniscono servizi quali elaborazione dati, concessione di crediti, evasione degli ordini dei clienti, consegna dei prodotti a domicilio, gestione e miglioramento dei dati dei clienti, assistenza clienti, valutazione dell'interesse nei confronti dei nostri prodotti e servizi e ricerche di mercato o sondaggi sulla soddisfazione degli utenti. Queste società sono obbligate a proteggere i tuoi dati e potrebbero essere ubicate ovunque operi Apple."

Di fatto quello che fanno tutti.

avatarsupporter
inviato il 06 Giugno 2019 ore 13:57

Carlo, ci sono alcune particolarità che hai omesso:

1: Dopo aver ottenuto una tua autorizzazione esplicita, possiamo raccogliere i dati sull'uso da te fatto del dispositivo e delle applicazioni, per aiutare gli sviluppatori a migliorare le proprie app.
aggiungo, sempre modificabile in qualsiasi momento dalle impostazioni di sicurezza di ogni dispositivo.

2:n nessun caso i dati personali saranno condivisi con terze parti per loro scopi di marketing. Ad esempio, quando acquisti e attivi l'iPhone, autorizzi Apple e il tuo operatore a scambiare i dati da te forniti durante il processo di attivazione per svolgere il servizio, incluse le informazioni sul tuo dispositivo. Se la richiesta di attivazione verrà approvata, il tuo account sarà regolato dalle rispettive politiche sulla privacy di Apple e del tuo operatore.

3: Esistenza di procedure decisionali automatizzate, inclusa la profilazione

Apple non prende alcuna decisione riguardante l'uso di algoritmi o profilazione che ti riguardi in modo significativo.

ma insomma... si fa prima a leggere integralmente il testo per cui tu stesso hai fornito il link....

non sarà una botte di ferro. ma quantomeno non ha alcun motivo per fare business coi miei dati.
mi spenna già lautamenteMrGreen

avatarsenior
inviato il 06 Giugno 2019 ore 14:27

Ho premesso che Apple è più restrittiva nella sua policy. E non ho nulla contro essa, anzi apprezzo.
Ma nella stessa policy ci sono punti incongruenti (quelli che ho evidenziato nei precedenti post) e c'è la trasmissione a terzi dei dati per poter utilizzare e migliorare i prodotti. Che vuol dire tutto e niente.

quantomeno non ha alcun motivo per fare business coi miei dati

Su questo non sarei così sicuro, quello dei dati è un mercato enorme. Lo stesso possesso (senza commercio o cessione) di dati personali influisce sul valore di una società.

mi spenna già lautamente

e lo fa con il nostro consenso! MrGreenMrGreenMrGreen



avatarsenior
inviato il 06 Giugno 2019 ore 14:51

In pratica è un po' come se dovessi fare una rettoscopia a pagamento e il medico ti informasse che condividerà analisi e prognosi con dei colleghi.
Nel secondo caso ti sarebbe proposta gratuitamente ma mentre la fai, o dopo, il tutto sarà condiviso con 1000 persone che ti inizieranno a proporre supposte, cibi ricchi di fibre, viaggi "interiori", vaselina, anti-meteoritici fino ad arrivare al Mandingo più vicino a casa tua MrGreenMrGreenMrGreen

Scusate l'ironia un po' cruda

avatarsenior
inviato il 06 Giugno 2019 ore 19:23

Non ho privacy

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 184000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





offerte di natale



 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me