RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Iperfocale e fotografia di paesaggio


Forum » Tecnica, Composizione e altri temi » Iperfocale e fotografia di paesaggio




avatarjunior
inviato il 14 Maggio 2019 ore 19:40

Chiedo scusa se apro l'ennesimo thread su questo argomento, se pongo domande banali e per la lunghezza del post :) ma voglio mettere insieme tutti i miei dubbi, cosi da averli in un unica discussione. Vi espongo le mie domande in vari punti:

1. M'interessa l'iperfocale per le mie escursioni in montagna, per quelle foto di paesaggio dalle quali voglio tirar fuori la massima nitidezza possibile a tutto tondo. Primo dubbio, si puo' ottenere questo risultato solo con la tecnica dell'iperfocale o no? La messa a fuoco a infinito non ha senso in questo caso, giusto?

2. In giro per la rete si fa un gran parlare di questa iperfocale, ma a me sembra abbastanza semplice da capire, almeno in termini teorici. Con una di queste tante app si calcola la distanza alla quale mettere a fuoco e amen. Mi sfugge qualcosa?

3. In termi pratici invece, non avendo un obiettivo con l'infinito e quindi essendo impossibilitato a mettere a fuoco con precisione nel punto indicato dall'app, se dovessi sbagliare il punto di messa a fuoco che succede, che risultato otterrei? In poche parole, se non posso mettere a fuoco con accuratezza, tanto vale lasciar stare questa tecnica o si puo' comunque procedere?

4. La messa a fuoco si puo' impostare in autofocus, giusto? Perche' in rete leggo pareri contrastanti tra chi dice in manuale e chi non ne fa menzione.

5. Questa forse e' una domanda stupida, non che le altre non li siano per gli esperti ma portate pazienza :). Nella composizione di una foto da scattare con la tecnica dell'iperfocale, e' fondamentale avere un soggetto in primo piano, o no? Ad esempio, classica foto con una distesa di prato e sullo sfondo le montagne, prato completamente lineare, quindi niente massi, alberi, case o altro.

Per adesso mi fermo qui ma ho altre domande in serbo, prendetevi tutto il tempo per rispondermi. :)

Grazie

avatarjunior
inviato il 14 Maggio 2019 ore 20:03

1.dipende cosa intendi per massima nitidezza. Come saprai sicuramente il piano di messa a fuoco è uno solo, l'iperfocale è un compromesso, avresti scatti sicuramente più nitidi con il focus stacking (sempre ammesso che tu sia davanti ad una scena che permette di fare scatti multipli)

2. No, non ti sfugge nulla

3. Che intendi per "obiettivo con l'infinito?" Intendi con la scala delle distanze? Puoi mettere a fuoco approssimativamente un oggetto che si trova alla distanza desiderata (ad esempio un albero, un masso, etc...).

4. A cosa ti serve l'AF? Sarebbe un impiccio, se vai di iperfocale usa la messa a fuoco manuale.

5. Il soggetto in primo piano o meno non dipende dalla tecnica di scatto, ma dalla foto che vuoi realizzare. Comunque con un soggetto in primo piano io metterei a fuoco sul soggetto a diaframmi chiusi per avere la maggior profondita di campo possibile e chiessene se lo sfondo non è nitidissimo oppure userei il focus stacking, l'iperfocale alla fine è un compromesso. Poi dipende anche che intendi per primo piano: 1 metro, 5 metri, 10 metri...




avatarsenior
inviato il 14 Maggio 2019 ore 20:17

La messa a fuoco a infinito non ha senso in questo caso, giusto?

Mah, dipende dal soggetto: se il soggetto è la montagna dall'altra parte della valle e non ti interessa il resto, allora ha senso mettere a fuoco all'infinito.

avatarjunior
inviato il 14 Maggio 2019 ore 21:02

Personalmente la odio questa iperfocale. Bisogna stare lì a fare calcoli ogni volta, poi cercare di misurare a occhio quella distanza, e poi magari non hai un soggetto da mettere a fuoco alla distanza calcolata.. E tutto questo poi per cosa? Non per avere tutto a fuoco che come sai è impossibile perché il piano di fuoco è solo uno, ma per avere tutto ad un fuoco accettabile. Per me no grazie.

Personalmente quando uso il grandangolo, metto a fuoco ad infinito e non ho problemi, sono soddisfatto del risultato, con il mio 12mm su aps-c, da 2/3 metri in poi, in questa maniera ho tutto a fuoco (accettabile). Se poi dovessi avere un soggetto più vicino allora magari può valere la pena spostare un po il fuoco indietro per non avere il soggetto in primo piano troppo morbido.

L'autofocus può andare bene se ti fidi del tuo mezzo, ma in un paesaggio io preferisco mettere a fuoco manualmente.

avatarjunior
inviato il 14 Maggio 2019 ore 21:14

@Gianluca8675: Non bisogna stare lì a fare calcoli, basta fare un po' di esperienza per non aprire mai nessuna app. Io non ho mai usato App, ma piuttosto valuto le distanze sulla scena e capisco ad intuito dove mettere a fuoco per essere in iperfocale (i cm di differenza non mi interessano).

Se devo avere più nitidezza vado di stacking e non di iperfocale, in altre scene l'iperfocale è la soluzione più comoda.

Una regoletta meno empirica ma più pratica consiglia di mettere a fuoco ad 1/3 della scena per essere in iperfocale. E magia, funziona MrGreen (per il semplice fatto che il fuoco cade 1/3 in avanti e 2/3 dietro, a patto di non avere problemi di F/B focus naturalmente).

avatarjunior
inviato il 14 Maggio 2019 ore 22:56

Effettivamente nel primo post dicendo "massima nitidezza" sono stato un po' troppo ottimista, intendevo un qualcosa di accettabile, comunque mi sembra di capire che volendo se ne possa fare a meno. Il focus stacking, non scattando con treppiede, lo escludo.

Che intendi per "obiettivo con l'infinito?" Intendi con la scala delle distanze?

Si esatto, mi riferivo a quel tipo di obiettivi.

4. A cosa ti serve l'AF? Sarebbe un impiccio, se vai di iperfocale usa la messa a fuoco manuale.

L'autofocus può andare bene se ti fidi del tuo mezzo, ma in un paesaggio io preferisco mettere a fuoco manualmente.

Il punto e' che non mi fido del mio occhio. :)

Mah, dipende dal soggetto: se il soggetto è la montagna dall'altra parte della valle e non ti interessa il resto, allora ha senso mettere a fuoco all'infinito.

Personalmente quando uso il grandangolo, metto a fuoco ad infinito

Adesso mi tocca studiare anche l'infinito :), pensavo avesse senso solo o quasi per foto notturne a stelle o luna.

avatarsenior
inviato il 14 Maggio 2019 ore 23:34

non scattando con treppiede

E già questo toglie abbastanza alla nitidezza Confuso
Cioè, a meno di non aver tempi abbastanza veloci tipo 1/500, anche se comunque sarebbe preferibile scattare col treppiede per i paesaggi ;-)

Adesso mi tocca studiare anche l'infinito :), pensavo avesse senso solo o quasi per foto notturne a stelle o luna.

Dipende da che obbiettivo usi e dal soggetto: se usi un grandangolo, tipo un 24mm, la messa a fuoco a infinito inizia a circa 2 metri: questo significa che se tu metti a fuoco all'infinito hai molto accettabilmente a fuoco tutto ciò che è più lontano di due metri; in un paesaggio, praticamente tutto.

avatarsenior
inviato il 14 Maggio 2019 ore 23:47

L'iperfocale è una formuletta che ti permette di sfruttare al massimo tutta la profondità di campo che hai. Se metti a fuoco all'infinito, una parte della PdC sarà in una zona "oltre l'infinito". Quindi in pratica sprecata.

La PdC, come ti è stato detto, non è una zona di massima nitidezza ma di sfocatura "accettabile".
Che significa? Significa che se tu guardi una stampa fotografica ad una distanza pari almeno alla sua diagonale, il tuo occhio vede tutto a fuoco.
Se ti avvicini, oppure guardi le foto a monitor con lo zoom al 100%, la PdC va a farsi benedire...
Un parziale rimedio a questo sta empiricamente nell'impostare una PdC "pessimista". Cioè ad esempio chiudi il diaframma a f/8 ma leggi le tabelle sulla PdC o sull'iperfocale come se stessi usando f/5,6.

Per questo motivo puoi usare le tabelle o la app della PdC anche in modo poco scientifico...
Ad esempio, devi mettere a fuoco a 3m.? Se il tuo obiettivo non ha la scala delle distanze puoi focheggiare in AF su qualcosa che sia a circa 3 m. (tre passi abbondanti), passare al fuoco manuale (così la messa a fuoco si ferma) e poi scattare.

Insomma le soluzioni si trovano...

avatarjunior
inviato il 15 Maggio 2019 ore 12:29

Fatemi capire, i vari calcolatori chiedono di impostare anche la distanza del soggetto, distanza che pero' non va a influire sull'iperfocale ma solo sul punto di inizio/fine dell'accettabile nitidezza. Quindi che senso ha? mica devo andare a mettere a fuoco sul soggetto.

avatarsenior
inviato il 15 Maggio 2019 ore 12:45

Fatemi capire, i vari calcolatori chiedono di impostare anche la distanza del soggetto, distanza che pero' non va a influire sull'iperfocale ma solo sul punto di inizio/fine dell'accettabile nitidezza. Quindi che senso ha? mica devo andare a mettere a fuoco sul soggetto.


Chiedono di impostare la distanza del soggetto per calcolare la profondità di campo. Per calcolare l'iperfocale è un dato irrilevante, servono appunto solo focale, apertura e circolo di confusione.

avatarjunior
inviato il 15 Maggio 2019 ore 13:29

E se imposti distanza zero che fa, ti da pdc nulla? Nel momento in cui metto a fuoco all'iperfocale io mi aspetto di avere nitidezza (relativa) da poco prima, all'infinito, indipendentemente se c'e' o non c'e' un soggetto in primo piano e a quale distanza si trova, non e' cosi?

avatarsenior
inviato il 15 Maggio 2019 ore 14:02

E se imposti distanza zero che fa, ti da pdc nulla? Nel momento in cui metto a fuoco all'iperfocale io mi aspetto di avere nitidezza (relativa) da poco prima, all'infinito, indipendentemente se c'e' o non c'e' un soggetto in primo piano e a quale distanza si trova, non e' cosi?


Sì, è così. Nel calcolatore, per "distanza dal soggetto" si intende la distanza di messa a fuoco. Se metti a fuoco alla distanza iperfocale, la profondità di campo calcolata risulterà sempre tra la metà della distanza iperfocale e l'infinito, come puoi anche verificare inserendo la distanza iperfocale come distanza dal soggetto.

avatarjunior
inviato il 15 Maggio 2019 ore 18:27

Ok, adesso mi e' piu' chiaro, appena posso faro' delle prove sul campo. Secondo voi, ammesso che sia una domanda sensata, la foto che ho in galleria con la ruota sulla sfondo oppure quella qui sotto, avrebbero avuto dei benefici se scattate con la tecnica dell'iperfocale? Nella foto in galleria la messa a fuoco e' sulla ruota, nella foto qui sotto sulla bandiera rossa.




avatarsenior
inviato il 15 Maggio 2019 ore 23:04

foto che ho in galleria con la ruota sulla sfondo oppure quella qui sotto, avrebbero avuto dei benefici se scattate con la tecnica dell'iperfocale?

Una situazione come questa, dove hai un elemento a media distanza e uno sfondo all'infinito entrambi da tenere a fuoco, trae senz'altro giovamento dall'uso della distanza iperfocale.
Magari con gli accorgimenti che citavo nel mio precedente post.

avatarjunior
inviato il 16 Maggio 2019 ore 12:01

Si i vostri trucchetti me li sono gia' appuntati. :)

Tralasciando un attimo l'argomento della discussione e passando alla messa a fuoco a infinito, che alcuni hanno suggerito come alternativa valida, praticamente come funziona, cosa dovrei fare?

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 173000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me