RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Samsung, sensore 64MP per smartphone


Forum » Computer, Schermi, Tecnologia » SmartPhones » Samsung, sensore 64MP per smartphone




avatarsenior
inviato il 17 Maggio 2019 ore 21:40

Ne abbiamo già parlato e riparlato. Il problema è lo sfocato e le variazioni di distanza di fuoco. Ripeto cosa ne penso. Su sensori piccoli è semplice perchè già da F1,8 è tutto accettabilmente a fuoco. Su sensori più grandi ottenere la stessa pdc perchè tutto funzioni vuol dire necessariamente chiudere il diaframma, mossa piuttosto sciocca. Alla fin dei conti, in scarsa luce, con la stessa pdc, tempi e focale equivalente, tutti i sensori hanno la stessa gd e snr. Con pdc ridotte una raffica sovrapposta non può funzionare. Un hdr del genere, in sostanza porterebbe a eguagliare i telefoni a diaframmi chiusi.
Lo stesso software non basta per pdc ridotte, serve qualcosa di ancora più evoluto per sensori più grandi perchè abbia un senso.

avatarsenior
inviato il 18 Maggio 2019 ore 6:55

al di là della pdc .. una lente classica da smartphone equivale a un 27 mm ff, > A F2.8 a 2 metri hai circa 1 metro di DOF

quello che stupisce è la velocità con cui la gcam fa tutto questo e non la ho usata in un telefono Google Pixel, con hardware ottimizzato, ma in uno Xiaomi adattato (redmi7 da 120 euro). Il tutto in un tempo classico di scatto normale.
La g-cam funziona anche con 48 mpx

Pertanto fa capire che a livello hardware e software potenzialmente ci siamo, perché possa essere implementata anche su sensori piu grandi ma con un numero di pixel uguali. La mole di calcoli è esattamente la stessa. In sostanza è poco capibile la lentezza del trasferimento di queste tecnologie sulle dsrl se non per motivazioni commerciali, Tutto sarebbe diverso se i software delle fotocamere fossero aperti, Android sta mostrando questo.
Non sarei stupito che i cinesi oltre a ottime lenti manuali iniziassero a fare ML con attacchi universali e software android

avatarsenior
inviato il 18 Maggio 2019 ore 12:19

"A F2.8 a 2 metri hai circa 1 metro di DOF"
In una raffica il soggetto non è utile all' allineamento dei vari scatti, perchè cambia forma. Rimane lo sfondo, che a causa dei movimenti è "diversamente spappolato" per la pdc ridotta e quindi non utile all' allineamento.
La gcam è uno stabilizzatore a riconoscimento di pixel, che è fuori uso con pdc ridotte.
La soluzione sono ottiche stabilizzate su sensori stabilizzati, che riconoscendo i movimenti della fotocamera permettono di recuperare 4 stop, l' equivalente di 16 scatti sovrapposti.

Dal punto di vista sensazionalistico, la gcam rende accettabili scatti a iso 1600, recuperando gd (hdr) e rumore.
Dal punto di vista razionale lo fa con un tempo totale di posa 16 volte più lungo. Il quale è ottenibile su treppiede o con stabilizzatore.
Un risultato frutto di 16 scatti a f1, 8 1/160" iso 1600 è magicamente simile (un po' peggio in realtà) a f1, 8 1/10" iso 100.

Quello a iso 1600 stupisce, quello a iso 100 no, ma il secondo è il miglior risultato nella stessa identica circostanza.

Scioccamente in questo forum sono state fatte prove di scatti sovrapposti ad alti iso per dimostrare quanto può essere pulito un file sovrapponendo vari scatti. In realtà bastava moltiplicare il tempo di un solo scatto n volte, tanto quanto il numero di scatti e recuperare snr e gd.

A livello professionale esiste da oltre un secolo una tecnologia aliena che viene dal futuro: il treppiede.
A mano libera ci sono soluzioni più efficaci con pdc ridotte.


avatarsenior
inviato il 18 Maggio 2019 ore 13:19

il fatto è che sono stra sicuro che avrei fatto del mosso ad 1 secondo
anziché 10 scatti a 1/10 o a 1/25
quindi non è proprio la stessa cosa.
In sostanza ti permette di fare scatti quasi al buio senza cavalletto con una definizione accettabile
L'allineamento dei pixel va a correggere il leggero spostamento che si ha con la mano.
se si aggiunge l'ottica stabilizzata certamente si arriva a scatti di qualche secondo.

Poi dai una passata a Topaz stabilize Ai ed è fatta.

Ma ripeto lo straordinario non è questo ma è il tempo di raffica + elaborazione che è praticamente quasi identico rispetto allo scatto singolo. Quindi grande cosa.
Dimostra solo che le canikonsony sono volutamente indietro e ritardatarie nell'introdurre soluzioni software nuove

avatarsenior
inviato il 18 Maggio 2019 ore 14:09

"senza cavalletto"
Se uno spende anche 10000 euro di attrezzatura per usarla senza cavalletto, forse il problema non è di canikonsony, però...
Sugli smartphone è un' altra cosa.
Se voglio stare leggero, almeno un pixie me lo porto.
Altrimenti userei il telefono, che poverino non ha neanche un flash accettabile.

avatarsenior
inviato il 19 Maggio 2019 ore 15:37

Alessandro, detto che io concordo in linea generale con quanto dici, non perdiamo però di vista la destinazione d'uso e l'utenza di massa cui è rivolto lo smartphone...che è un'altra cosa, come giustamente fai notare.

Tu dici il cavalletto, ok, ma immagina un contesto comune, tipo quello della tipa che si fa il selfie in discoteca al semi-buio per postarlo sui social...in quel caso il cavalletto è davvero un alieno! Anche il pixie di turno.

Tutti questi artefatti che pubblicizzano i vari smartphone top di gamma (tipo p30 pro) servono perché quando le amiche della tipa confronteranno i loro selfie bui e sfocati con quello della tipa figa che ha il p30 pro diranno "che belle le tue foto, le mie fanno cagare"...e il giorno dopo il babbo dovrà correre in negozio ad acquistare il nuovo p30 pro per la figliola. MrGreen

Non si tratta di utilità, ma di creare il desiderio.

avatarsenior
inviato il 19 Maggio 2019 ore 16:09

Ma non volevo sminuire in alcun modo l' utilità della gcam sugli smartphone. Il punto è che la gcam in scarsa luce porterebbe agli stessi risultati telefoni e sensoroni. Molti credono che sia una rivoluzione (come lo è stata su smartphone) replicabile su sensori più grandi, con i vantaggi di un sensore più grande. Così non è. Conterebbe come tante altre funzioni che non si usano quasi mai.
In discoteca non serve la gcam sulla reflex. Le reflex hanno un flash (vero) e la gcam non può fermare la gente che balla. Uno smartphone con gcam e una reflex con gcam produrrebbero lo stesso risultato.
Il suo funzionamento prevede il riconoscimento di pixel. Con il movimento della mano, del soggetto e con una pdc ridotta è fuori uso. I vari fotogrammi non avrebbero nulla in comune.
Che vantaggi hai a 27 mm a chiudere a f 11 in discoteca pur di aiutare la gcam nel suo lavoro? Di fatto faresti la stessa foto (se avessi la gcam sulla reflex) che faresti col cellulare con gcam.

avatarsenior
inviato il 19 Maggio 2019 ore 16:55

Tutto giusto e concordo anche sull'inutilità della gcam su macchine professionali, dove il risultato tecnico di uno scatto di norma è frutto del controllo del mezzo.

Secondo me però state andando molto oltre. Qui siamo nell'ambito dei sensori per smartphone e non state ragionando come la tipa che vi ho presentato prima! MrGreen Quella se legge il tuo post le viene il mal di testa alla seconda riga! MrGreen

Quello che si tenta di fare sugli smartphone è proprio tradurre, semplificare tutto quello che state dicendo per l'utente improvvisato che della tecnica fotografica non sa nulla...e non deve saperlo, altrimenti addio magia! MrGreen

La qualità delle macchine professionali non è in discussione, ma neanche è ricercata, al massimo si tenta di simularla. Quello che conta è che il nuovo telefonino "fa foto più belle del vecchio". :-P

avatarsenior
inviato il 19 Maggio 2019 ore 17:29

La cosa strana è che sfugge a tanti utenti con apparecchiature professionali, non alla ragazza con lo smartphone.

avatarsenior
inviato il 20 Maggio 2019 ore 6:56

Alessandro vedo con piacere che la olympus ha fatto grandi passi sul sensore 4/3 hi res che dicono che grazie alla stabilizzazione in camera e al sw si possa fare a mano libera. focus stacking in camera. e altre cosette. questo significa che si possono fare dei miglioramenti che attualmente vengono spacciati come tanta roba difficile per FF e che gli smartphone praticamente fanno già. uno dice si i sensori hanno dimensioni diverse, ma i pixel sono tanti lo stesso.

poi sul multiscatto di 10 frame fusi in un secondo per me rimane tanta roba ad esempio per paesaggio

Mi fermo qua è solo una riflessione . Buona giornata


avatarsenior
inviato il 20 Maggio 2019 ore 9:46

Tornando alla densità dei sensori.. tanta densità porta ad avere un buon effetto divisionista. Ossia più punti campione per simulare gamma e colori.. e ridurre l'impatto del rumore video. L'importante è che l'hardware ci stia dietro. Per alcune foto poi andrà bene lavorarsi il raw.. per altre andrà bene un jpeg post Pixel Binning.
Già la mia povera FZ28.. scattava a certe risoluzioni ricampionando di brutto a risoluzioni più basse..

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 173000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me