RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Help Aurora Boreale






avatarsenior
inviato il 29 Dicembre 2018 ore 16:46

Ciao a tutti,

per i miei 40 anni la mia compagna mi ha regalato un viaggio in Finlandia, a Saariselka, alla ricerca dell'aurora boreale.
Premesso che ho le idee chiare su cosa portare in viaggio, ho solo il dubbio se valga o meno la pena montare due corpi macchina in contemporanea.
La mia idea è di montare 1DX e 15-30, tenendo la 6D al caldo pronta per eventuali intoppi. Se volessi montarle entrambe (magari per scattare a porzioni differenti di cielo) metterei il 24-70 sulla 6D. Questo vorrebbe dire portare anche un secondo treppiede.
Pensate che ne valga la pena?

Grazie mille a tutti

avatarsenior
inviato il 29 Dicembre 2018 ore 22:55

Altro dubbio, nell'immortalare l'aurora (sempre sperando di beccarla), è consigliato un filtro? Ho cercato , am ho letto pareri contrastanti...Confuso

avatarsupporter
inviato il 30 Dicembre 2018 ore 1:22

Ciao!
Portare le due macchine per sicurezza sicuramente sì.
Il 15-30 benissimo.
Il 24-70 certamente lo porterei, ma per paesaggio perché per l'aurora direi che lo useresti ben poco. Conseguentemente il secondo treppiedi lo trovo superfluo.
Riguardo i filtri, sinceramente non ne vedo nessuna necessità per l'aurora. Tra l'altro pure filtri come quelli che riducono l'inquinamento luminoso (a prescindere dalla loro reale utilità in generale) non li vedo proprio necessari in un luogo come Saariselka certamente buio.

avatarsenior
inviato il 30 Dicembre 2018 ore 1:34

Grazie Giovanni,

pensavo di portare 15-30, 24-70 e 70-200.
Il primo prettamente per l'aurora, gli altri due per le altre situazioni durante le escursioni (paesaggi, reportage, ritratti...)

Effettivamente, ragionandoci sopra, due macchine in contemporanea potrebbero essere difficili da gestire, considerando che da quel che leggo spesso l'aurora si manifesta in pochissimi minuti, e non si può perdere tempo.

Comunque in questi viaggi le due macchine sono d'obbligo, addirittura sto pensando anche ad un terzo corpo (nel caso la 80D) perché vorrei stare tranquillo. Considerando che la giornata sarà divisa in escursioni al mattino (motoslitta e slitta con cani) e ricerca dell'aurora nel dopocena non so se ho abbastanza tempo per ricaricare le batterie, quindi uscirei al mattino con un corpo e la sera con un altro, con il terzo a fare da jolly.
Magari sono troppo ossessionato io, però vista una situazione in Kenya in cui in un attimo mi sono trovato senza due corpi carichi (all'epoca 5DIII e 6D), e mi sono salvato le foto utilizzando la M3 con l'adattatore.
Inoltre c'è il discorso freddo, che oltre a scaricare più velocemente le batterie potrebbe creare problemi alle reflex.
In Italia al massimo mi sono trovato ad affrontare senza grossi problemi i -5/-6°, ma in Lapponia si toccano temperature ben più rigide, e anche se sono fiducioso nella tenuta della 1DX qualche timore ce l'ho.

avatarjunior
inviato il 30 Dicembre 2018 ore 17:58

Due macchine e due treppiedi fanno molto comodo, con una puoi fare i time lapse e con l'altra scatti liberi a mano.
Ti manca però l'ottica non plus ultra per lo scopo: il fisheye.

avatarsenior
inviato il 30 Dicembre 2018 ore 19:05

L'aurora arriva talmente all'improvviso e tanto all'improvviso se ne va, che farai fatica a gestirne una di macchina fotografica MrGreen

Due corpi direi che è meglio portarli, per sicurezza, un terzo lo vedo eccessivo. Oltretutto la 6D e la 80D hanno la stessa batteria, per cui non vedo il vantaggio, la batteria che useresti sulla 80D la porti dietro di scorta per la 6D.

Ovviamente devi tenere le batterie bene al caldo, non so quante batterie hai in tutto, qualcuna di scorta la comprerei se non ne hai abbastanza e porterei semmai un doppio caricabatterie e ne metti a caricare un paio alla volta.

Io ho fatto due notti a caccia dell'aurora partendo da Tromso, verso la Finlandia e verso il confine della Svezia, temperature -12/-14 gradi e una batteria mi è durata tranquillamente per tutta l'escursione.

PS oltre a pensare all'attrezzatura fotografica pensa anche al tuo abbigliamento, miiii se fa freddo lì fermi al buio ad aspettare MrGreen




avatarsupporter
inviato il 30 Dicembre 2018 ore 21:07

Per quanto mi riguarda gestire due macchine durante l'aurora è improponibile. Molto meglio concentrarsi bene su una singola macchina curando bene le impostazioni in base alla mobilità dell'aurora ed anche cercando di avere una composizione adeguata (non avere soltanto l'aurora, ma il paesaggio con l'aurora).
Anch'io tendo a vedere 3 corpi come eccessivi. Certamente bene avere più batterie e magari più caricabatterie per caricare più batterie contemporaneamente durante i tempi morti.
Per quanto riguarda il freddo, non ho mai trovato condizioni estreme (tempeste di neve e simili), ma non ho avuto nessun problema di funzionamento e di durata batterie con una 5D Mark III anche a -28 °C. Poi ovviamente non so se sono stato fortunato o meno.

avatarsenior
inviato il 30 Dicembre 2018 ore 21:17

A -28 gradi c'è da preoccuparsi più della propria durata che di quella delle batterie MrGreen

avatarsupporter
inviato il 30 Dicembre 2018 ore 21:33

Mah, all'inizio avevo abbastanza freddo, poi devo dire che mi sono abituato e non ho avuto grossi disagi neanch'io. Ovviamente avevo abbigliamento adeguato...

avatarsenior
inviato il 30 Dicembre 2018 ore 23:28

Grazie ragazzi, sto pian piano avendo chiara la situazione.
Allora per le batterie sto abbastanza tranquillo, partirò con 3 per la 1Dx e 8 per la 6D (lo so, sono tante, ma tanto ce le ho...). Caricabatterie ne ho 1 per la prima e 3 per la seconda. Schede a volontà.
L'abbigliamento è la parte che mi preoccupa meno, sia perché di mio ho già una buonissima attrezzatura, visto che in passato ho fatto trekking invernali in quota, sia perché verrà fornita dall'organizzazione. Quindi di mio porterò soprattutto l'intimo termico e un paio di cambi, il resto userò il loro.

avatarsenior
inviato il 30 Dicembre 2018 ore 23:34

@Mars4ever il timelapse é un mondo sconosciuto per me, anche se mi piace vedere quando ben realizzati. Come prima esperienza già la sola fotografia sarà dura...

avatarsenior
inviato il 31 Dicembre 2018 ore 0:37

io l'aurora l'ho sempre fotografata con due macchine, in un caso ne ho usate tre. Ma con tre è un casino.

Il filtro scordatelo, rischi solo danni. Se n'era parlato qui dentro tempo fa:

www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=328223

avatarsenior
inviato il 31 Dicembre 2018 ore 13:47

io l'aurora l'ho sempre fotografata con due macchine


Perbo che tipo di corpi e ottiche avevi montato, e per quale motivo hai uasto due macchine?

avatarjunior
inviato il 31 Dicembre 2018 ore 18:54

il timelapse é un mondo sconosciuto per me, anche se mi piace vedere quando ben realizzati. Come prima esperienza già la sola fotografia sarà dura...

Allora ti spiego io. La 80D ha l'intervallometro integrato per cui è molto facile settarla. Non ci sono due macchine da gestire perché appena la imposti inizialmente poi va avanti a scattare da sola per quanto tempo vuoi.
Anch'io ne ho fatti pochissimi ma l'anno scorso con l'eclisse di Sole (che è molto più veloce e difficile per i salti enormi di luce) mi sono buttato e ne ho fatti ben due in collaborazione con un amico mettendo in comune le fotocamere. Era la terza totale che vedevo ma non avevamo mai fatto foto d'ambiente, eppure sono venute:

Ho rifatto la stessa cosa quest'anno con l'eclisse lunare con la via lattea in un time lapse di ben 4 ore (*) a differenza di questi di cinque minuti. Non l'ho ancora pubblicato perché è complicata la post produzione ma le aurore sono molto più facili perché non devi variare i tempi di posa.

(*) ho usato l'inseguitore messo in altazimutale a velocità 0,5× di quella siderale e il movimento è venuto molto bello perché rispetto al fotogramma si spostano sia il cielo che il paesaggio in direzioni opposte.

Guarda questo video del mio amico Lorenzo Comolli, lui è molto esperto e per partire alle prime armi ho chiesto consigli proprio a lui:

avatarsenior
inviato il 31 Dicembre 2018 ore 19:04

3 corpi macchina, almeno 3 ottiche, e 3 treppiedi da portarsi in giro? Senza contare il vestiario ingombrante x stare al caldo... Ma siete seri? Uno spettacolo che potresti vedere (forse) 1 volta nella vita vuoi buttarlo via x gestire impostazioni, inquadrature e parametri vari? L'aurora non si sa da che parte compare... Ne quanto dura. A che servono 3 corpi? A fare solo confusione e alla fine perdersi lo spettacolo. 1 corpo con fisso wide luminoso x il time-lapse, e al massimo un altro x le foto variando la composizione. Io ci sono stato fuori a fotografare le luci del nord col vento e - 20 gradi percepiti, e consiglio di non far diventare questo piacere un agonia...

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 173000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me