Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni). Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

OK, ho capito

Nikon 70-200


Forum » Obiettivi » Nikon 70-200




avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2017 ore 19:41

Ma, e qua sono curioso questo problema affligge anche lenti fisse con messa a fuoco interna?

avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2017 ore 19:50

Sì. E anche senza IF.

avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2017 ore 19:55

Cavolo, la notizia mi ha lasciato un (bel pò) sorpreso!

Farò attenzione anche a tale dettaglio..non pensavo potesse arrivare ad essere così rilevante!

avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2017 ore 21:07

R =F/(F-D)

Deriva dalla formula dei punti coniugati
1/D+1/D'=1/F
È una approssimazione, per questo chiedevo l'origine dell'altra

avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2017 ore 22:06

Dal sito di Pierre Toscani risulta (giustamente)
1/p + 1/p' = 1/F
e
R = (p'-F)/F,
dove p' è la distanza tra sensore e piano principale immagine (che è cosa MOLTO diversa dalla distanza di maf).
Inoltre, p è la distanza tra piano principale soggetto e soggetto. La distanza di messa a fuoco (che ho chiamato D) è p+p'+InD (con InD distanza tra i due piani principali).
Non è che stai facendo confusione? Guardare le Figure 22 e 23 qui: www.pierretoscani.com/focale.html

P.S.: fare attenzione al segno dell'ingrandimento, che lui indica con g (il cui segno, nella costruzione geometrica, può essere sia + sia -)

P.S.2: non c'è bisogno di fare nessuna approssimazione.

avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2017 ore 22:35

" Cavolo, la notizia mi ha lasciato un (bel pò) sorpreso! "
In casa Nikon la storia comincia col 24/2.8 e la nascita del sistema CRC:
imaging.nikon.com/lineup/lens/glossary.htm#crc
www.nikkor.com/story/0014/
Più che di IF, si tratta di lenti flottanti (tutti gli IF sono a lenti flottanti, ma non tutti gli obiettivi a lenti flottanti sono IF).

avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2017 ore 22:50

"
Dal sito di Pierre Toscani risulta (giustamente)
1/p + 1/p' = 1/F
e
R = (p'-F)/F,
dove p' è la distanza tra sensore e piano principale immagine (che è cosa MOLTO diversa dalla distanza di maf).
Inoltre, p è la distanza tra piano principale soggetto e soggetto. La distanza di messa a fuoco (che ho chiamato D) è p+p'+InD (con InD distanza tra i due piani principali).
Non è che stai facendo confusione? Guardare le Figure 22 e 23 qui: www.pierretoscani.com/focale.html

P.S.: fare attenzione al segno dell'ingrandimento, che lui indica con g (il cui segno, nella costruzione geometrica, può essere sia + sia -)

P.S.2: non c'è bisogno di fare nessuna approssimazione.
"


Guarda che è la stessa formula che ho scritto io. Tu hai risolto rispetto a p', io rispetto a p

Ora, la formula dei punti coniugati è relativa ad una singola lente, ed in questo caso, per mettere a fuoco dovresti cambiare il tiraggio, cosa che non è possibile. Considerare InD pari a 0 dovrebbere essere equivalente ad approssimare a singola lente.
Al di là del segno, che ho invertito per avere un valore positivo, sul sito viene riportato p=f'(1/g-1), la stessa formula mia.
Dal sito però mi sembra di capire che la messa a fuoco venga modellizzata come una modulazione della focale, una esplicitazione del focus breath. Credo che quella formula salti fuori calcolando la focale modulata f', con F intesa come quella all'infinito

avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2017 ore 22:55

" Tu hai risolto rispetto a p', io rispetto a p"
Né p né p' sono la distanza di messa a fuoco (D).
p e p' possono essere uguali, o uno maggiore dell'altro. Per una lente sottile, R = p'/p. In genere R è minore di 1 e quindi p > p'.

avatarjunior
inviato il 21 Febbraio 2017 ore 7:42

Boh, credo che per arrivare a quella forma serva almeno una modellizzazione a due lenti

avatarjunior
inviato il 21 Febbraio 2017 ore 12:29

Assolutamente no. Per le lenti sottili basta combinare insieme le seguenti espressioni:
1/p + 1/p' = 1/F
R = p'/p
D = p'+p
Con qualche passaggio arrivi alla relazione:
D = F[(1/R) + R + 2]
E' molto semplice.
Per le lenti spesse (e gli obiettivi) devi aggiungere i piani principali e la loro interdistanza (InD). Tutte le relazioni, compresa la costruzione geometrica, sono - ripeto per l'ultima volta - nelle figure 22 e 23 di cui al link al sito di Pierre Toscani.

avatarjunior
inviato il 21 Febbraio 2017 ore 13:18

OK, mi scrivi i passagi mancanti, per cortesia

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 114000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.







 ^

www.JuzaPhoto.com - Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me