RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

Obiettivi Micro 4/3 + tubi di prolunga


  1. Forum
  2. »
  3. Obiettivi
  4. »
  5. Obiettivi Micro Quattro Terzi
  6. » Obiettivi Micro 4/3 + tubi di prolunga





avatarsupporter
inviato il 25 Maggio 2015 ore 14:21

Quando si comincia a praticare la Macro fotografia e ci si appassiona sul serio è quasi inevitabile porsi la domanda se acquistare o meno i tubi di prolunga.
Un accessorio non indispensabile ovviamente, ma che può venire in aiuto regalando rapporti di riproduzione più generosi (per i maniaci dell'ingrandimento) e distanze minime di messa a fuoco più spinte.

Sui tubi si è già dibattuto ampiamente in questo Forum, quindi evito di ripetere i soliti concetti. Mi limito nel consigliare gli utenti Micro 4/3 di acquistare solo i modelli provvisti di contatti elettrici, perché le ottiche moderne sono sprovviste di ghiera per la regolazione del diaframma e quindi senza comunicazione tra macchina fotografica e obiettivo sarà praticamente impossibile fotografare.

E' bene ricordare che i tubi introducono qualche piccola difficoltà nella fase di scatto, quindi bisogna sempre valutare bene il loro utilizzo.

Ce ne sono di varie marche e prezzi ma, dopo aver sperimentato personalmente l'inadeguatezza dei prodotti economici, la scelta è ricaduta obbligatoriamente sui Kenko che, come saprete, godono di ottima fama. Non posso che confermare, funzionano bene e sono qualitativamente superiori. Costano di più, ma la differenza si nota.

Da quel che ho avuto modo di vedere ed in base agli obiettivi che possiedo, i tubi si sposano alla perfezione con l'Olympus 60mm macro e con l'Olympus 40-150mm PRO. Per altri abbinamenti mi riservo di fare prove in futuro e al caso vi aggiornerò.

Per chi ha consigli da dare, per chi ha dubbi da esporre o per chi vuole pubblicare alcuni esempi questa sezione è a loro disposizione.







avatarsenior
inviato il 25 Maggio 2015 ore 15:59

Diciamo che sei partito benino... MrGreen

;-);-);-)

avatarsupporter
inviato il 25 Maggio 2015 ore 20:50

Vedremo di migliorare ulteriormente Sorriso
Ciao Andrea! ;-)

avatarsenior
inviato il 25 Maggio 2015 ore 21:51

Ciao, per la seconda volta ho mandato al mittente i tubi di prolunga...questi di amazon erano leggermente meglio degli altri (totalmente di plastica) ma temo che sarebbero durati pochino.

Tra l'altro andava solo col 75, mentre col 12-40 metteva a fuoco la lente e non si vedeva nulla...

La messa a fuoco era complicata dai piccoli movimenti avanti e indietro (Ero a mano libera). Quindi se facevo fatica a fotografare una pianta grassa figuriamoci un insetto MrGreen

Non so se è colpa dei tubi cheap o sono i problemi comuni,ma col 12-50 (che ho avuto) era molto più semplice Triste

Quindi, personalmente, chiudo l'esperienza con i tubi di prolunga e userò il 12-40 per fare close-up ;-)

avatarsupporter
inviato il 25 Maggio 2015 ore 22:04

Ti avevo espresso i miei dubbi riguardo i tubi 'cheap' ;-) Di fatti dopo una prima esperienza negativa non ho più avuto dubbi su cosa comprare.

Il problema di cui parli non è da imputare alla scarsa qualità dei tubi, è insito nell'uso degli stessi. Aumentando il rapporto di riproduzione ogni microscopico movimento si traduce in un terremoto. Anche il fenomenale stabilizzatore Olympus non può più essere così efficace nello smorzare tali movimenti.

La macro con i tubi di prolunga è un tipo di foto che richiede un diverso approccio mentale (e fisico) rispetto alla tecnica fotografia classica.

Comunque sia, il 12-40 regala ottimi close-up. Ti divertirai lo stesso ;-)

avatarjunior
inviato il 26 Maggio 2015 ore 13:54

Davvero notevoli le tue macro Nicolò.
Io, in attesa del 60 macro, sto facendo dei tentativi con il 12-40 e già così sono in difficoltà. Faccio davvero fatica a contenere i movimenti della macchina (EM1) che, se di usa la Funzione di ingrandimento della zona di MAF, diventano (come dice Emag) dei terremoti.
Spero di non aver fatto un acquisto incauto ordinando il 60.
Ancora complimenti.
Giorgio




avatarsupporter
inviato il 26 Maggio 2015 ore 14:18

Grazie Giorgio.

Spero di non aver fatto un acquisto incauto ordinando il 60.

Assolutamente no, vedrai. I problemi delle vibrazioni a monitor li hai solo con ingrandimenti spinti.
Non è detto che tu debba scattare sempre e comunque con un RR di 1:1.

la Funzione di ingrandimento della zona di MAF

Usala solo quando necessario, in macro spinta la messa a fuoco la fai spostandoti millimetricamente avanti e indietro...ghiere non se ne toccano.

PS:
diventano (come dice Emag) dei terremoti.

L'ho detto io, non Emag Sorriso;-)

avatarjunior
inviato il 28 Luglio 2015 ore 16:52

Nico, quali tubi usi tu?

avatarsupporter
inviato il 28 Luglio 2015 ore 20:15

Ciao Silvio. Uso i Kenko ;-)

avatarjunior
inviato il 28 Luglio 2015 ore 21:57

Li uso con soddisfazione da due anni e non posso che consigliarli, ovviamente i
Kenko.

avatarsenior
inviato il 09 Agosto 2015 ore 1:10

Nico, come hai fatto ad immortalare il bombo??? Non stanno mai fermi per più di mezzo secondo!

avatarsupporter
inviato il 09 Agosto 2015 ore 7:59

Ciao Simpson.

Ho avuto fortuna perché questo, insolitamente, era più 'tranquillo' dei suoi consimili.
L'ho visto sfrecciare vicino a me, poi si è posato su del fogliame basso. Quando ho visto che non percorreva più grandi distanze, ma faceva in volo brevissimi tragitti ho posato lo zaino e ho cominciato ad inseguirlo.
Faceva impressione perché veramente grosso e dovendomi avvicinare a pochissima distanza con l'occhio sinistro osservavo sempre i suoi rapidi movimenti mentre col destro cercavo di controllare la messa a fuoco.

Per farla breve dopo trenta minuti di contorsioni e di tentativi andati a vuoto (i muscoli lombari mi stavano scoppiando) la bestiolina si è acquietata per un attimo e in quell'istante visto che ero posizionato bene ho potuto riprenderlo.

Di tutte le foto scattate due sono venute perfette (intendo come messa a fuoco), una è questa che ho pubblicato.

Devo dire che ero e sono felicissimo di essere riuscito a riprendere in macro e con per giunta i tubi di prolunga un animale così 'nevrotico' come il Bombo :-)

avatarjunior
inviato il 09 Agosto 2015 ore 12:44

posso andare solo leggermente fuori tema....?
Non ho una 4/3 ma se mi permetti aggiungo solo una considerazione/suggerimento: al posto dei tubi quando è possibile si può usare un moltiplicatore 2x. A differenza dei tubi non varia la distanza di messa a fuoco ma raddoppiando la focale aumenta l'ingrandimento e si ottiene anche uno sfocato migliore.
Di contro si perde in luminosità del mirino ( ma anche con i tubi avviene) e c'è una perdita di qualità che si può valutare solo su quella specifica accoppiata sensore/lente/moltiplicatore.
Io quando posso uso su 7d e sigma 150macro il 2x della sigma, ottengo così un 300 f 5,6. Poi se si decide di non sfruttare al massimo l'ingrandimento si guadagna in distanza di messa a fuoco ( già notevole nel 150 sigma) e si riesce a fare una farfalla a oltre 80 cm di distanza dalla lente ( sempre con la mia configurazione) e sfocato perfetto.
Il bello della macro e che si possono fare molte prove, anche mettendo insieme tubi e moltiplicatori per non parlare dell'inversione dell'ottica....ma andiamo decisamente ot..MrGreen

avatarsupporter
inviato il 09 Agosto 2015 ore 13:56

Ugo, conosco la tecnica di moltiplicare l'obiettivo macro o usare obiettivi invertiti, eventualmente su tubi di prolunga ;-)

Quel che dici tu, riguardo la moltiplicazione, non si può fare perché il 60mm non è moltiplicabile.
Per il m4/3 c'è un solo moltiplicatore (che possiedo) ed è compatibile solo con l'Olympus 40-150 PRO e con l'imminente Olympus 300mm PRO.

Quindi l'unica strada resta quella dei tubi di prolunga. Devo dire che nell'80% dei casi, per le mie esigenze, il solo 60mm va più che bene come fattore di ingrandimento. Nel restante 20% i tubi aiutano con soggetti particolarmente piccoli.

avatarsenior
inviato il 09 Agosto 2015 ore 14:57

Io ho un vecchio duplicatore che, facendo delle prove con lo stesso soggetto croppato, risulta circa alla pari, per cui mi conviene scattare senza duplicatore e poi, eventualmente, croppare; il tuo sigma invece fa perdere così poco come qualità? Che modello è?

CLipper

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 221000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.






Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me