City-Com.it






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

calibrazione spyder 4 pro


  1. Forum
  2. »
  3. Computer, Schermi, Tecnologia
  4. » calibrazione spyder 4 pro





avatarsupporter
inviato il 13 Aprile 2015 ore 11:09

ho acquistato un calibratore colori per notebook, spyder 4 pro,
completato la provcedira, fatto vedere la differenza dal prima a dopo,
come colori molto megli da quello che fa apparire nei tester, ma ora mi trovo il monitor
tendente al giallo, ad esempio anche aprendo photoshop stesso quello che deve o era prima grigio ora tira quasi sul giallo.
cosa devo fare..
calibrarlo nuovamente?
grazie David

avatarsenior
inviato il 13 Aprile 2015 ore 12:01

Non è un calibratore, è un colorimetro.
Tu che parametri di calibrazione hai scelto? e come calibri il monitor del notebook?
Che software stai usando? quello di Datacolor a corredo?

avatarsenior
inviato il 13 Aprile 2015 ore 12:05

(capace pure che il display o il driver del portatile non reggano eh.... una volta con un i1 display ho provato a profilare un toshiba che costava più o meno come il colorimetro e gli incrementi erano irrimediabilmente "a scalini" : neinte/troppo rosso/niente)

avatarsenior
inviato il 13 Aprile 2015 ore 12:06

In quel caso la cosa migliore è regolare la luminosità e poi calibrare sulle LUT; ma non con il software di Datacolor.
Serve Argyll, oppure BasICColor.

avatarsupporter
inviato il 13 Aprile 2015 ore 12:54

Io ho messo il mio schermo con impostazioni predefinite poi il resto ha fatto tutto il softwere spyder 4 pro..
non dirmi Raamiel,
che divrei prendere un altro colorimetrico :(
Dopo provo rifare la procedura per dare indicazioni piu precise..
al momento tantissime grazie

avatarsenior
inviato il 13 Aprile 2015 ore 12:56

No.. non un altro colorimetro, un altro software magari.
Ma prima di tutto bisogna vedere cosa stai facendo; la calibrazione è sottintesa a dei parametri che scegli tu. Quali hai scelto?

avatarsupporter
inviato il 13 Aprile 2015 ore 15:49

io ho scelto quelli consigliati dal softwere
anche gamut etc ho lasciato fare tutto
ho solo messo schermo led notebook e marca

avatarsenior
inviato il 13 Aprile 2015 ore 17:56

I parametri di calibrazione tipici potrebbero essere questi :

luminanza 110 cd/m2
gamma L* o 2.2
punto di nero nativo
bianco D65

Però non sono univoci, devi fare delle scelte. In particolare nei notebook spesso si è costretti a dei compromessi.
Per capire che scelte fare hai bisogno di imparare le basi della gestione colore.

Questo tutorial potrebbe aiutarti : www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=894536

avatarsenior
inviato il 13 Aprile 2015 ore 18:12

OT, ma magari Raamiel mi sa dire qualcosa: come mai Eizo "consiglia" come standard D65 80 cd/m2 gamma 2.2 invece che i classici 110 ( o cmq >100) cd/m2 ??


avatarsupporter
inviato il 13 Aprile 2015 ore 18:20

cavoli Raamiel...
lo devo veramente studiare..
grazie al momento

avatarsenior
inviato il 13 Aprile 2015 ore 18:23

Di nulla..

@Shambola

Non lo so, ma la luminanza dipende anche dal tuo ambiente di lavoro; 80 cd/m2 sono usati più per la prestampa che per la postproduzione.

avatarsupporter
inviato il 14 Aprile 2015 ore 13:40

infatti ho provato anche sul mio pc desktop e tira su una temperatura piu fredda e luminosita piu bassa. Ora mi chiedo se faccio questa calibrazione se meglio avere la luce dell ufficio spenta e tenendo aperte le tende alla mia schiena ossia luce naturale.
nella seconda delle ipotesi che non sia il prodotto diffettoso..

avatarsenior
inviato il 14 Aprile 2015 ore 14:11

Occhio a non includere la luminosità ambientale; deselezionala da tutte le opzioni.
Poi ricalibra entrambi i monitor con gli stessi parametri; la condizione migliore sarebbe nella penombra, ma con periferiche come i monitor cambia poco. Gli LCD sono una fonte di luce emissiva e il colorimetro aderisce alla superficie, la luce ambientale se non è troppo intensa non viene misurata.

Tieni conto che due monitor diversi restano diversi anche dopo la calibrazione; se vuoi la costanza del colore tra due periferiche diverse ricadi in una branca diversa della gestione del colore.

avatarsenior
inviato il 14 Aprile 2015 ore 23:26

ho anch'io lo Spyder 4 pro
le prime volte pareva anche a me che portasse i colori verso il giallo, in realtà era solo che mi ero abituato ai colori del monitor che erano invece tendenti al blu...forse anche nel tuo caso quello che ti trae in inganno è l'abitudine ai colori che aveva precedentemente il monitor

avatarsenior
inviato il 14 Aprile 2015 ore 23:32

Il mio consiglio è quello di usare DispcalGUI, gratuito, invece del software Datacolor a corredo.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 176000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





20 Luglio 2019

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me