RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo



JediPhotographer
www.juzaphoto.com/p/JediPhotographer



avatarLeitz Canada Summicron-R 90/2 vs Leica Summicron-R 90/2
in Obiettivi il 25 Novembre 2019, 11:10


Buongiorno a tutti. Non partecipo in prima persona al forum, ma leggo tantissimo le vostre discussioni e, come altre volte, sono a chiedervi un consiglio, una delucidazione, per un acquisto. Intenzionato, infatti, ad aggiungere, come complemento al mio corredo, per una tipologia particolare di scatti che attualmente vorrei approfondire, come tendenza personale "ispiratrice" (diciamo così!!MrGreen) un obiettivo Leica Summicron-R 90/2, per la resa "idilliaca", "romantica", classica, tipica del timbro Leica, mi sono trovato in una situazione di dubbio, non essendo nello specifico del marchio, la mia conoscenza approfondita. Premessa: il mio corredo si compone principalmente di ottiche Zeiss, la serie classica, dal Distagon 21/2.8 all'APO-Sonnar 135/2, con tre 50mm (50/1.4 Planar, 50/2 Makro-Planar e 50/1.4 Milvus). 50mm, 85mm e 100mm le mie focali principali. Affiancano gli Zeiss, per la mia Nikon D810, ottiche Nikon per usi specifici: 135/2 AF-D DC, 180/2.8 AF-D, 105/2.5 AI-s (che ha una resa diversa rispetto allo Zeiss 100/2 Makro-Planar, che pure possiedo: sono innamorato di entrambi, ma convivono attivamente nel mio corredo, li uso per tipologie di scatti diverse, perchè sono ottiche con carattere molto diverso.). Completa il corredo un vecchio Nikon 28/2 AI, che preferisco al collega Zeiss 28/2 per i ritratti ambientati in interni. Pur essendo innamorato della resa degli Zeiss, sento una necessità profonda della resa Leica in alcuni dei miei scatti, che gli Zeiss non riescono a darmi. Va meglio con il Nikon 28/2 AI, ma non di molto. Non ho mai avuto la possibilità di scattare con un'ottica della serie Leica-R, ho visto solo migliaia di foto in rete, rigirate come un calzino le vostre recensioni su questo forum. chiesto un paio di volte pareri a voi su ottiche Leica, ma mai sperimentate personalmente. Ho capito, però, che per alcune tipologie di miei scatti CERCO i colori, il timbro Leica. Dopo aver capito, dopo un periodo di esplorazione in rete del mondo Leica abbastanza lungo (sono partito dal buoi totale, ora mi oriento e procedo con una candela!!MrGreen), mi sono deciso ad acquistare un Leica Summicron-R 90/2: ho cominciato a cercarlo presso vari negozi e mi sono imbattuto in due esemplari, presso il medesimo negozio (posso fornire in privato i dettagli col nome del negozio ed i link dei due oggetti a chi si dimostrasse particolarmente disponibile), del medesimo obiettivo in due varianti diverse, appartenenti entrambe alla versione pre-asferica (l'APO non posso permettermelo, perciò non me lo nominate, mettendo il dito nella piaga MrGreen e comunque non penso sia all'inizio una scelta saggia, andando ancora a tastoni nel mondo Leica). Riporto di seguito i dettagli:

Esemplare 1: Scritta intorno alla lente anteriore: "Leica Summicron-R 1:2/90 E55 361xxxxx". Dovrebbe essere, in base a quanto trovato in rete, un esemplare dell'ultima tipologia della serie pre-asferica, prodotto nel 1993, a 3 camme, con paraluce integrato a due sezioni; come nuovo, prezzo 900 euro.

Esemplare 2: Scritta intorno alla lente anteriore: "Leitz Canada 277xxxx Summicron-R 1:2/90". Dovrebbe essere, in base a quanto trovato in rete, un esemplare della seconda tipologia (seconda di tre) della serie pre-asferica, prodotto intornoal 1976, a 2 camme, con paraluce integrato ad unica sezione; come nuovo, prezzo 550 euro.

Qualora avessi sbagliato identificazioni, vi prego correggermi.

Il mio dubbio sull'acquisto è questo: la notevole differenza di prezzo è dovuta alla diversa età degli esemplari, pur essendo entrambi come nuovi? Sussiste una vera e propria differenza di resa fra i due? C'è stato un cambiamento nello schema ottico? La terza camma ha cambiato qualcosa rispetto al modello precedente? A cosa può essere dovuta una così marcata differenza di prezzo?
Dovrei accoppiare l'esemplare da voi suggeritomi alla mia D810, senza paura di focus shift, step down e per foto in tutta tranquillità e ragionate.

Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione.

Buona luce a tutti!


106 commenti, 2303 visite - Leggi/Rispondi


avatarLeica Elmarit-R 28/2.8 I versione vs II versione
in Obiettivi il 12 Agosto 2019, 11:42


Buongiorno a tutti. Dopo aver inserito, alcuni giorni fa, un nuovo topic in cui chiedevo consigli ed esperienze riguardo la differenza di resa cromatica fra il Leica Elmarit-R 28/2.8 ed il Nikon 28/2 AI, volendo acquistare ed utilizzare il Leica per foto di interni in luce naturale, ritratti ambientati, pongo a voi un ulteriore quesito. Non conoscendo il mondo Leica, mi sono dovuto mettere con impegno a cercare in rete ed ho trovato, innanzitutto, che il Leica Elmarit-R 28/2.8 sia stato prodotto in due versioni, le quali si trovano sul mercato dell'usato ad una differenza di prezzo veramente impressionante: 350-450 euro per la prima, 1600 euro per la seconda. Tale divario sarebbe da attribuirsi all'effettiva differenza di nitidezza e distorsione esistente fra i due modelli. Questo, ripeto, in base a quanto sono riuscito a reperire su internet e sembrerebbe un parere abbastanza unanime. Nessun riferimento, tuttavia, sono riuscito a trovare riguardo la resa cromatica, la resa dei colori, che è l'aspetto che più e molto mi interessa di queste ottiche: il mio quesito è il seguente:

- Pur differendo notevolmente, le due versioni, per nitidezza e distorsione, la resa cromatica, dei colori, è la medesima? Ho osservato le foto qui presenti sul forum, nella sezione: "recensioni", ma non si fa riferimento, negli scatti, a quale sia, caso per caso, la versione utilizzata, per cui non mi è stato possibile capirlo in questo modo. Ho altresì avuto modo di constatare che l'economico Leica Summicron-R 50/2, spesso, comunemente e facilmente, adattato a Nikon con la sostituzione della baionetta, abbia una resa veramente bella, quella che io cerco per i miei scatti, nonostante non sia una lente top gamma, rispetto a ottiche della serie M da diverse migliaia di euro. Potrei pensare che il discorso, sempre riguardo la resa cromatica ed i colori, possa ripetersi anche per le due versioni del Leica Elmarit 28/2.8? Possiedo sia il Nikon 28/2 AI, sia lo Zeiss Distagon 28/2, ma la resa in interni del Nikon mi piace molto di più, per i colori; mi sono accorto, tuttavia, che ciò che cerco sia la resa dei Leica. Non vorrei fare un salto nel vuoto e buttare soldi nel comprare un esemplare della prima versione del Leica Elmarit-R 28/2.8 dando per scontato che la resa cromatica, dei colori, sia identica a quella della seconda versione.
Al primo topic, di cui riporto in fondo il link, non ho ottenuto risposte..........., forse perchè non partecipo assiduamente al forum, forse perchè non ho più pubblicato mie foto, forse perchè erroneamente ho messo il topic nella sezione generica: "obiettivi" e non "obiettivi vintage", come questa volta, forse perchè molti utenti in questo periodo sono in ferie........., non saprei..........., spero qualcuno possa rispondermi............
Questo è il link del precedente topic: www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=3270823
Vi ringrazio comunque tutti.....


34 commenti, 799 visite - Leggi/Rispondi


avatarResa cromatica Leica Elmarit-R 28/2.8 vs Nikon 28/2 AI-s
in Obiettivi il 09 Agosto 2019, 14:40


Salve a tutti. Possessore di ottiche Nikon e Zeiss, chiedo consiglio a voi, con più esperienza, perchè ho intenzione di fare un salto nel buio, ma non vorrei fosse un suicidio (nel senso che vorrei evitare di spendere erroneamente tanti soldi a causa di un errore, per aver acquistato un oggetto che non corrisponda alle mie aspettative, ai miei gusti, a ciò che cerco.

Premesse:

1) Scatto da 23 anni, ho cominciato con la pellicola: Zenit, Minolta ed infine Nikon, attualmente ho un corpo Nikon D810 ;

2) Utilizzo ottiche Nikon AF, quali il 105/2 DC ed il 135/2 DC per i ritratti con rischio movimento, quando non posso permettermi una foto sfuocata a comunque ho poco tempo e/o occorre troppa precisione nella MAF, street e scatti rubati, soggetti in movimento; in arrivo 200/4 AF Micro.

3) Ho inserito nel corredo anche due Nikon MF, il Nikon 28/2 AI-s ed il Nikon 105/2.5 AI, che amo moltissimo come resa, pur avendo i corrispondenti Zeiss Makro-Planar 100/2 e Zeiss Distagon 28/2. Questo perchè trovo la resa del Nikon 105/2.5 AI veramente diversa dallo Zeiss M-P 100/2: utilizzo il Nikon 105/2.5 per still life, natura morta, oggetti in luce ambiente, mentre lo Zeiss M-P 100/2 per ritratti statici e tutto il resto, anche paesaggi, ci faccio veramente tutto. Pur possedendo lo Zeiss Distagon 28/2, tendo ad utilizzare quest'ultimo per i paesaggi all'infinito, mentre il Nikon 28/2 AI-s per i ritratti ambientati o ambienti chiusi, interni, con poca luce, solo naturale (cavalletto se necessario, spesso diaframmi chiusi, f/11, f/16): il Nikon 28/2 AI-s mi piace tantissimo in queste condizioni, per questa tipologia di utilizzo, anche se è abbastanza meno nitido dello Zeiss 28/2. Conosco bene il Nikon 28/2 AI e lo Zeiss e so anche che il Nikon 28/2 soffre molto il controluce, così come che lo sfuocato non sia il suo punto di forza, amo la sua resa vitrea, come quella del cugino maggiore 105/2.5; in esterno in condizioni proibitive, con MAF all'infinito uso lo Zeiss proprio per questo, perchè il Nikon 28/2 AI-s soffre moltissimo il controluce e perde veramente tanto in tutto. Tuttavia mi piacciono i colori del Nikon, la sua resa cromatica, differente dallo Zeiss Distagon 28/2.

4) Possiedo anche i seguenti Zeiss, che utilizzo in tuti gli altri casi "normai": Distagon 21/2, Distagon 25/2, Distagon 35/1.4, Planar 50/1.4, Makro-Planar 50/2, Milvus 50/1.4, Planar 85/1.4, Makro-Planar 100/2, APO-Sonnar 135/2 e per me sono il massimo, la loro resa è pazzesca, 3D, colori da favola, nitidezza stratosferica, meccanica e costruzione ai massimi livelli, come ben sapete!!

Ora vengo al dunque, questo l'oggetto del topic:

E' un po' di tempo che odo la voce della Musa Leica, che mi tenta per i suoi colori, che ho cercato negli Zeiss e trovato, ma non del tutto, diciamo al 70%. Zeiss e Leica partono da due filosofie diverse, questa è la base, certo, ma anche i colori degli Zeiss sono favolosi, anche se meno "naturali", caldi e saturi, ma sono diversi. Le ottiche Leica sono meno incise, Leica ha meno puntato sulla nitidezza. Ho visto foto in rete e sono estremamente affascinato, mi piacciono tantissimo, i colori, la resa cromatica dei Leica, che trovo favolosa. Mi riferisco, in particolare, all'Elmarit-R 28/2.8, per il quale farei modificare, ovviamente, la baionetta per poterlo montare su Nikon D810 (operazione semplicissima e senza problemi di urto con lo specchio, diversamente dal Leica 24/2.8). Eventualmente l'Elmarit-R 28/2.8 andrebbe a sostituire il Nikon 28/2 AI, quindi lo utilizzerei per interni con luce naturale (spesso poca), soprattutto a diaframmi chiusi, ma anche aperti. Considerate che ho preferito per la resa calda per gli interni il Nikon 28/2 AI allo Zeiss 28/2, ma ora forse mi sono reso conto che cercavo la resa Leica, perchè il Nikon 28/2 AI mi soddisfa, sà di antico, ma non mi soddisfa del tutto e guardando in rete foto realizzate con diversi obiettivi Leica me ne sto sempre più convincendo, ultimamente......, ecco il perchè di questo topic. Tuttavia, per i paesaggi e per i panorami (soprattutto montagna) prediligo gli Zeiss. Ripeto: non conoscendo il mondo Leica, ho dovuto raccogliere info e vedere foto in giro per la rete ed è proprio questo il motivo per cui mi affido a voi, gente coi capelli bianchi che il mondo Leica lo conosce e possiede una certa esperienza in merito. L'Elmarit-R 28/2.8 è stato prodotto in due serie: la prima, riguardo la quale non ho letto cose stupende, resa non all'altezza del blasone Leica, distorsione pronunciata, nitidezza discreta e che per cominciare ad arrivare bisogna chiudere bene il diaframma. Con la seconda serie Sembrerebbe, in base a quanto ho potuto reperire dalla rete, che Leica abbia portato questa versione del 28/2.8 all'altezza dei suoi standard, all'altezza del blasone, con livelli di nitidezza eccellenti anche a TA ed a ogni distanza, con distorsione assente. Il problema è che, parlando di usato, ovviamente, in quanto la serie R non è più in produzione, la differenza di prezzo fra la prima e la seconda versione supera i 1000 euro: ho trovato a 350-450 euro diversi esemplari della prima ed uno solo, come nuovo, della seconda, a 1600 euro. 1600 euro è una cifra impegnativa per rischiare, per questo chiedo a voi che abbiate avuto esperienza con questa lente e col mondo Leica in generale. Abissale sembrerebbe la differenza di resa, parlando di nitidezza e distorsione........, ma anche per i colori è così? Certo la differenza di prezzo potrebbe dirla lunga. Quali differenze di resa potrei riscontrare rispetto al Nikon 28/2 AI?
Vi ringrazio per l'interessamento, le eventuali risposte, la disponibilità e d al contempo mi scuso per essere stato così prolisso.





0 commenti, 120 visite - Leggi/Rispondi





392 messaggi, 0 foto

  ULTIME 10 FOTO PUBBLICATE 



AMICI (0/100)



 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me